Tag: Anniversario

I 45 ANNI DEGLI “EROI”

“Heroes”, l’album centrale della cosiddetta trilogia berlinese di David Bowie e di fatto l’unico interamente scritto e realizzato a Berlino Ovest, fu pubblicato il 14 ottobre 1977. Concepito insieme a Brian Eno e Tony Visconti, l’album contiene il celeberrimo brano omonimo, che fu l’ultimo a essere inserito nel disco. Nonostante sia oggi uno delle sue canzoni più iconiche, all’epoca “Heroes” non riscosse un successo entusiasmante. Nel Regno Unito raggiunse la 24.ma posizione, in Germania la 19.ma e negli Stati Uniti non entrò nemmeno nella Hot 100. In seguito alla scomparsa di Bowie, il 10 gennaio 2016, è diventata il suo brano più suonato dalle radio e televisioni, al punto di affacciarsi per la prima volta nella top 20 (12° posto) del Regno Unito. Oggi, la canzone dei due eroi abbracciati all’ombra del Muro, compie 45 anni.
Durante le sessioni di “Heroes” presso gli Hansa Tonstudio di Köthener Straße, da una finestra della Meistersaal l’artista londinese scorse una coppia di innamorati abbracciata a ridosso del Muro. Quella scena gli ispirò il testo carico di pathos per l’epico brano che era ancora solo una traccia strumentale.
«…I can remember / Standing, by the Wall / And the guns, shot above our heads / And we kissed, as though nothing could fall / And the shame, was on the other side / Oh we can beat them, for ever and ever /Then we could be heroes, just for one day…».
Bowie conosceva molto bene i due amanti del Muro, ma ne rivelò l’identità solo anni dopo: si trattava del…

Il MODELLO VINCENTE

Trentadue anni fa, una folla di tedeschi si riunì davanti al Reichstag, l’edificio che nel 1933 fu distrutto e reso inagibile da un incendio per mano dei nazisti. Oltre un secolo dopo la sua costruzione, il palazzo sarebbe tornato ad accogliere la sede del nuovo parlamento della Germania riunita. Nonostante i tentativi di riforma seguiti alla caduta del Muro, si sanciva la definitiva fine della DDR e la sua unificazione con la Repubblica Federale Tedesca. La ricca nazione occidentale aveva trionfato nel decennale confronto con lo Stato filosovietico, imponendo il proprio modello vincente su quello della defunta repubblica socialista controllata da Mosca.
Allo scoccare della mezzanotte tra il 3 e 4 ottobre del 1990, la riunificazione della Germania viene scandita dal rintocco della Freiheitsglocke, la campana della libertà. Dopo quarantacinque anni la nazione ha un’unica bandiera. Sebbene la data di oggi sia considerata l’anniversario della Germania riunificata, sarebbe più corretto definire l’operazione un’annessione. Ovvero, l’accorpamento della povera e fallimentare DDR nella ricca ed efficiente RFT.
Nel suo ultimo decennio di vita, la Repubblica Democratica Tedesca, guidata da Erich Honecker…