PRIMA DI PARTIRE PER UN VIAGGIO

PRIMA DI PARTIRE PER UN VIAGGIO

PIANIFICARE

Prima di partire

Ogni volta che organizzo un viaggio per Berlino, già prima di partire, realizzo quanto i giorni non sembrino mai abbastanza. Comunque, cerco di ottimizzare i tempi stilando l’elenco dei luoghi che desidero visitare. Spesso, prendo spunto dai siti che sono elencati in questa pagina. Tra tutti, Tip Berlin, disponibile solo in tedesco, ma che il traduttore integrato sembra traslare bene. Tra i progetti di questo soggiorno, c’è l’intenzione di tornare in alcuni siti per scattare nuove foto: per esempio il bizzarro Bierpinsel a Steglitz. Porterò con me anche la reflex con svariate schede SD, allo scopo di arricchire il mio archivio immagini. Soprattutto per il profilo Instagram, dove condivido le immagini raccolte in ben 15 anni di visite nella capitale tedesca.

IL BIGLIETTO A NOVE EURO

Intanto, ho già proceduto con l’acquisto online dell’ abbonamento mensile al prezzo speciale di 9 €, di cui ho accennato qui. Un biglietto che mi consentirà di usufruire del trasporto pubblico senza restrizioni a un prezzo irrisorio. Amo le lunghe passeggiate, ma di tanto in tanto cedo a causa della stanchezza e, d’inverno, del freddo. Per comprendere la straordinarietà della misura introdotta, che è d’interesse nazionale, basti pensare che il giornaliero (24-Stunden-Karte) per le zone tariffarie A e B costa circa 9 €. Invece, il prezzo del settimanale (7-Tage-Karte) si aggira intorno ai 35 €, mentre una singola corsa tra i 2 e i 3 €. In realtà, ciò che più mi entusiasma è il non avere a che fare con le monete e le odiate biglietterie automatiche. Non è infine da trascurare l’opportunità di utilizzare l’abbonamento sull’intero territorio tedesco. Infatti sto pensando di andare a Dresda e ad Amburgo con i treni regionali

Prima di partire per un viaggio
RICADUTE ECONOMICHE

La DB e la BVG, rispettivamente: ferrovie tedesche di Stato e azienda dei trasporti pubblici berlinesi, sono due società pubbliche. Entrambe hanno aderito all’iniziativa in contrasto alla crisi energetica ed economica provocata del conflitto russo-ucraino in corso. I benefici non ricadranno esclusivamente sulla popolazione locale e sull’ambiente: il biglietto a 9 € è accessibile a tutti e al momento ne sono stati già venduti sette milioni. Sono auspicabili effetti positivi anche sul comparto del turismo, specialmente dopo la forte crisi causata dalla pandemia del covid. Le stime prevedono l’arrivo di numerosi giovani da tutto il mondo, pronti a cogliere l’opportunità di visitare non solo Berlino, ma anche altre città e regioni tedesche.

ITINERARI

Un programma a cui ho dovuto rinunciare per mancanza di tempo, sarebbe partito da Monaco di Baviera. Arrivato qui con l’intercity da Bologna (ovviamente da pagare a parte), avrei raggiunto Berlino in circa 10 ore e con 4 cambi treno tra locali e regionali. Disponendo di maggiore tempo è possibile frazionare il viaggio in 2 o più giorni, considerando la possibilità di pernottare in città interessanti come Norimberga e Chemnitz.
Gli itinerari sono calcolabili sul sito della DB, ricordando di selezionare la casella “solo treni regionali e locali”.

Prima di partire per un viaggio
PUBBLICO E PRIVATO

Per chi ama i viaggi avventurosi zaino in spalla e sceglie il treno per ragioni di ecosostenibilità, il biglietto a 9 € è un’opportunità difficilmente replicabile. La politica tedesca ha dato certamente un’ottima prova di pragmatismo e lungimiranza. Credo che una misura di questo genere non sia facilmente attuabile in quei paesi dove il trasporto è perlopiù privatizzato. Questo è un aspetto da considerare, oltre qualsiasi ideologia o bandiera, nella valutazione rischi e benefici della privatizzazione dei servizi essenziali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *