L’ESTATE DI BERLINO

L’ESTATE DI BERLINO

Una settimana di vacanza

Qualche anno fa, per l’estate, sono andato a Berlino insieme a due amici. Avevo caldeggiato con forza quel viaggio vincendo la loro titubanza, per cui mi sentii investito da tanta responsabilità. Temevo di non riuscire a trasmettere loro la passione che mi lega alla capitale tedesca; non sarebbe stata la prima volta, del resto. Per convincerli, feci leva sul fattore climatico: a Roma il termometro segnava quasi 40° già da un po’ di settimane, e a Berlino avremmo sicuramente trovato temperature meno feroci.

L'alba a Berlino Hauptbahnhof
L'ESTATE DI BERLINO
L’estate di Berlino: un approccio non scontato

La settimana di tempo disposizione non era sufficiente per mostrare loro tutto ciò che avrei voluto.
Non si trattava solo di portarli alla Porta di Brandeburgo e all’antenna della televisione; il mio obiettivo era immergerli nell’atmosfera rilassata e, contemporaneamente, cosmopolita di Berlino. Lasciarli accostare alla città con uno spirito da vero berlinese, non da semplice turista. Evitare il più possibili le lunghe code per i monumenti e i musei ed esplorarne, piuttosto, i quartieri e gli angoli, alla scoperta della sua anima poliedrica e multiforme.

L’estate di Berlino: la rilevanza storica

Berlino, come Roma, può essere considerata un museo a cielo aperto. Naturalmente le testimonianze storiche della capitale tedesca sono ben più recenti; ma è questo che probabilmente spiega l’unicità del suo fascino. I volti e i nomi che hanno plasmato questa città narrano una storia di resilienza, determinazione e speranza, un racconto che continua ad affascinare e ispirare chiunque si immerga nelle sue strade cariche di storia. I numerosi memoriali, le stolpersteine, l’architettura socialista, le zone un tempo desolate, oggi riqualificate e di tendenza. Le tragiche sorti degli ebrei vittime della dittatura nazista e il destino crudele di famiglie e rapporti lacerati dal regime della DDR, sono parte indelebile della memoria collettiva della città. Ferite ancora aperte ed esibite in un presente di rinascita che guarda al futuro senza mai dimenticare il passato.

Alcuni sostengono che le giornate dedicate a commemorazioni o a qualche tema o causa sensibile, siano inutili se non persino ipocrita. In alcuni casi, ritengo anch'io che oltre a istituire giornate per attenzionare l'opinione pubblica su questioni spinose (transomofobia, razzismo, violenza sulle donne, eccetera) sarebbe nessario attivare parallelamente efficavi processi per un cambiamento NEVER FORGET - DIMENTICARE MAI
L’estate magica di Berlino

Per quanto la prediliga nei suoi mesi più gelidi e bui, l’estate di Berlino, purtroppo breve, è forse il periodo dell’anno in cui è più piacevole visitarla e facile innamorarsene. I caffè e locali all’aperto, l’esplosiva e rigogliosa natura dei numerosi Volkspark cittadini e l’ampio ventaglio di iniziative culturali nei mesi caldi la rendono particolarmente attraente e godibile.

L’estate di Berlino – video

Fortunatamente, i miei amici sono rimasti ammaliati ammaliare dallo charme magnetico di questa incredibile città. Di seguito, i documenti video dell’intera settimana. Parte degli itinerari intrapresi sono consultabili a questo link. Altri video sono disponibili sul mio canale Youtube.


2 thoughts on “L’ESTATE DI BERLINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *